This site uses cookies. Some are essential while others improve your browsing experience and allow us to advertise. For more info visit the privacy policy page.

Allow inessential cookies for:

Your preferences have been updated.

5 Momenti Indimenticabili del Caribbean Sea Jazz Festival 2018

Due settimane fa si è svolta la 12° edizione del Caribbean Sea Jazz Festival nell'isola felice!

Un festival musicale che va oltre le classiche melodie: si tratta di arte, cibo ed emozioni.

Questo è stato il mio primo Caribbean Sea Jazz Festival, e studiando la line-up mi aspettavo che fosse grandioso, ma mai avrei pensato di partecipare ad un evento che andasse ben oltre la musica!

Venerdì sera, al mio arrivo, sono stata immediatamente attratta dalla galleria d'arte. Dopo aver fatto un giro, avendo sentito in lontananza della musica groovy, ho deciso di dare un'occhiata.

1. Gli artisti sono stati incredibili

In qualità di appassionata, la galleria d'arte è stata il mio posto preferito. C'erano dipinti magnifici, sculture e molto altro da ammirare o da acquistare. Inoltre gli artisti erano sul posto e su richiesta avrebbero dato informazioni sulle loro opere.

Dopo aver esplorato la galleria, ho seguito la melodia di sottofondo.
Sul palco, Eric Essix, Kelly O'Neal e Karen Bryant.

2. Il pubblico si gode la musica secondo i propri gusti

È stato fantastico vedere un pubblico così vario; si sono riunite al Purple Stage persone di ogni età e provenienza per godersi il grande jazz. Mentre la musica suonava, il pubblico restava affascinato. Alcune persone hanno preferito sedersi, e tenendo gli occhi chiusi cercavano di cogliere i suoni colorati che li circondavano, mentre altre ballavano. 

Una volta terminata la performance, mi è venuto un languorino, e così mi sono diretta verso la food court. Per la strada sono stata felice di ammirare altre opere d'arte: gli artigiani locali avevano aperto un negozio per vendere i loro oggetti di artigianato, souvenir e accessori. A quel punto, dopo aver fatto un po 'di shopping, sono arrivato alla food court che ricordava un picnic al parco.

3. C'era molto da mangiare!

Una delle mie cose preferite, oltre l'arte, è il cibo! Sono rimasta piacevolmente sorpresa quando ho visto quanti stand vendevano cibo e bevande.
C'era una grande varietà di cibo disponibile, da poffertjes, un classico dessert olandese, a squisite bistecche.

Soddisfatta del delizioso picnic, ho seguito la musica fino al centro del locale. C'era un palcoscenico molto piccolo con una sola batteria e un musicista di grande talento che ci intratteneva con la sua musica.

4. Oscar Kraal e Cyril Directie Stole rubano la scena con la batteria

Venerdì e sabato, questi musicisti hanno mostrato una vera e propria passione per il palco.  

5. Jorge Celedon e Di-Rect hanno chiuso entrambi i giorni del Festival 

Venerdì, Jorge Celedon ha emozionato i fan cantando i suoi famosi classici. Inoltre, nonostante ci fossero moltre persone, c'era abbastanza spazio per ballare.

Sabato, Di-rect ha fatto uno spettacolo rock, portando il pubblico a scatenarsi. La band ha inoltre implementato elementi melodici jazzistici, rendendo il momento di chiusura uno spettacolo indimenticabile. Con grande sorpresa, Di-Rect ha portato un ospite speciale, la leggenda del rock olandese Barry Hay, con cui ha cantato una canzone.

Gli artisti sono passati da prestazioni di musica elettronica di ANACAONA, alle esibizioni di Sister Sledge con il loro classico "We are Family" che ha fatto alzare l'intero pubblico. Il Caribbean Sea Jazz Festival è atteso con ansia il anno prossimo!

Se quest'anno ve lo siete persi, non preoccupatevi, basta rimanere sintonizzati sul sito ufficiale del Caribbean Sea Jazz Festival per aggiornamenti sulle prossime edizioni.

Tag

Caribbean Sea Jazz Festival, Jazz, Musica


Articoli correlati